19 Giugno 2024 - 5:31 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

UDINE, LA MAGGIORANZA NON C’E’ PIU’

In questi giorni di fine novembre, Udine versa in uno stato di crisi politica profonda. Le continue frizioni che si susseguono dal giorno in cui l’ex rettore si è insediato, rivelano lo ststo innaturale di una giunta e di un consiglio comunale pronto a esplodere da un momento all’altro. Dal giorno in cui si è insediata questa nuova amministrazione, gli udinesi sono vittime di un continuo stillicidio provocato da un sindaco che non riesce a tenere unita la propria coalizione, se non i suoi amici fidati. E sono pochini…. Sei mesi di rivendicazioni, di posti non assegnati, di mancanza di collegialità a discapito delle promesse fatte i campagna elettorale. La questione del bilancio partecipativo e delle deleghe è solo l’ultima pagina di un fitto quaderno di doglianze. Se non c’è stabilità politica non è nemmeno possibile attuare il programma. Honsell prenda atto che si è cacciato in un brutto guaio. Non è come all’università in cui vige il motto divide et impera, e poi tutto va bene madama la marchesa. E no! la politica è altra cosa e le spine sono tante. A partire da Rifondazione, grande protagonista della vittoria al secondo turno e che chi sta in consiglio comunale (Peratoner) non digerisce l’assessorato a Franzil. Udine versa in uno stato di crisi politica irreversibile.

Related posts