11 Maggio 2021 - 11:27 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

TenenteBernetti Exxx…Polzive!!! L’astro nascente della Lega detta la linea politica del centrodestra sulle norme anti-Covid in Friuli. Randellate a Fratelli d’Italia e a ProgettoFvg: Abbassate i toni, state esagerando, ci sono i luoghi preposti al confronto. Esclusivo.

Ormai sulla sicurezza e le sue interpretazioni, è scontro aperto. Lega e Progetto Fvg-Fratelli d’Italia sono ai ferri corti. La prova si è avuta ieri con la manifestazione dei NoMask in piazza Primo maggio. Michele Zanolla, capogruppo del partito di Bini, messo al corrente dell’evento in Giardin Grande si fiondava in rete per invocare la presenza dei vigili; Pittioni consigliere comunale di Fratelli d’Italia lo inseguiva, rispondeva ai commenti, gli dava man forte e burlava l’agente Dri 〈colui che ha multato i clienti lunedì scorso al bar Milanese〉 pubblicando gli esiti della candidatura alle ultime comunali con la Lega. Un cortocircuito politico disastroso. A Trieste si sforzano di dotare e migliorare l’efficienza della Polizia Locale, a Udine invece gli alleati la calpestano. La Lega, il cui Parnaso si sviluppa attorno alla sicurezza e l’assessore Ciani è il più grande sponsor dell’agente contestato Giulietto Dri, tiene il punto. Lo fa col responsabile della comunicazione Fabrizio Bernetti. Le sue repliche alle intemperanze dei due, sono il timbro di un navigato dirigente politico. L’astro nascente potrebbe aspirare a diventare un valido capogruppo. Ecco il passaggio chiave:

«…mi sembra che stiate 〈Zanolla, Pittioni〉 esagerando. Leggi e ordinanze se ci sono vanno fatte rispettare. Non possono essere fatte ad personam. I consiglieri, soprattutto di maggioranza, non dovrebbero discutere pubblicamente l’operato della Polizia Comunale. Ci sono luoghi e strumenti per contestare eventualmente l’operato o sanzioni ritenute sbagliate. Da quello che vedo in giro, sarebbero da multare 1000 persone al giorno, come le attività che non rispettano e non fanno rispettare le ordinanze. Vi ho espresso un mio pensiero pubblico, come le vostre rimostranze, che continuo a non comprendere. Buon Weekend».

La replica di Zanolla non si è fatta attendere:

«Non sto discutendo l’operato della polizia comunale, assolutamente…sto discutendo di un personaggio arrogante che urla e minaccia i titolari di attività ….Fabrizio con tutta la stima che ho per te ..e le idee condivisibili sulla sicurezza…perché nessuno racconta la verità … sulla stampa il direttore del Messaggero mi ha fatto una romanzina sul fatto che io non voglia rispettare la legalità, cosa non vera….ma manca un’informazione, perché non raccontiamo ai cittadini che lo sceriffo era candidato alle comunali nelle liste della Lega…. 〈strano che al “Nostro Giornale” come lo cita Michele Zanolla, sia sfuggita la notizia NdR〉 magari cambia la prospettiva che dici…inoltre si potrebbero raccontare anche altri episodi ….mi sembra giusto che i cittadini ne vengano a conoscenza». The End.

Related posts