11 Maggio 2021 - 12:53 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

SbregoCarnico Exxx…Polzive!!! Conto alla rovescia per l’asse Lenna-Ariis-Bubisutti. Spunta uno scambio di poltrone BIM e Boschi Carnici. Aspiranti ingolositi dai 4.000 mila euri-mese del presidente. Esclusivo

Dopo la delibera di giunta regionale che, in via preliminare, ha fissato i compensi per il presidente 〈3.910 euri〉 e i membri dell’esecutivo 〈1.180 euri〉 della Comunità della Carnia, gli appetiti per conquistare la poltrona sono aumentati a dismisura. Gramole in festa in vista della poltrona. In questo senso va seguita la prossima, e terza, convocazione dell’assemblea per eleggere il presidente del nuovo ente voluto dall’assessore regionale Roberti. Se in altre realtà le operazioni per l’elezione del presidente erano state agili, in Carnia, il nuovo assetto sta generando un polverone incredibile. Dopo il passo indietro di Brollo, presidente uscente, l’unico candidato risulta essere il sindaco di Raveo Daniele Ariis, in forza dei 14-15 voti corrispondenti a coloro che hanno sottoscritto la 2a convocazione di 10 giorni fa. Sembra fatta, tuttavia le seducenti indennità diffuse su queste pagine, hanno generato un’intensa attività spartitoria erede della prima Repubblica. Giacchè la candidatura di Ariis non è altro che un atto di forza divisivo rispetto agli altri comuni, si cerca di trovare un’uscita di sicurezza per armonizzare le spigolature che un’elezione mutilata potrebbe provocare. In questo senso spunta il magheggio carnico. E spunta il nome di Marco Lenna, sindaco rallysta di Forni di Sopra. Rimbalzi alpini giurano che il primo cittadino fornese muoia dalla voglia di fare il presidente tant’è che avrebbe già preparato il piano diabolico da sottoporre al sacrificato Ariis. Tu mi dai la presidenza della Comunità in cambio io ti offro i vertici del BIM, attualmente presidente Michele Benedetti, sindaco di Ampezzo e del consorzio boschi carnici in capo a Luigi Cacitti. Questi due consorzi ora non sono in scadenza, tuttavia promettere non costa nulla. Le avvisaglie che conducono a queste soluzioni si avvertono proprio nel comune governato da Lenna dove il vice sindaco Dose si sta allenando per diventare il facente funzioni visto il carico di lavoro che richiederà la presidenza della Comunità qualora finisse in mano a Marco Lenna. E’ la soluzione-ponte per evitare una colossale figura di merda derivata dal fatto che la presidenza di un ente voluto dalla Lega, possa finire nelle mani del PD con l’appoggio di Fratelli d’Italia, parte della Lega e alcuni civici di centrodestra. Martedì il voto. Carnia infetta, regione malata.

Related posts