20 Febbraio 2024 - 10:38 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

Pellet tossico. La Guardia di Finanza di Portogruaro (Ve) ha sequestrato 210 tonnellate di materiale insicuro. Indagini della Procura di Trieste.

 

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Venezia, hanno sequestrato oltre 210 tonnellate di pellet ritenuto non sicuro. L’operazione, condotta dal Gruppo di Portogruaro e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pordenone, trae origine da un controllo su strada, effettuato presso la stazione di servizio “Fratta Nord”, lungo il tratto autostradale A4 direzione Venezia.
Tra i mezzi pesanti che stavano effettuando la propria sosta programmata, veniva individuato un autoarticolato con rimorchio di nazionalità slovacca, il cui conducente, alla richiesta di esibire la documentazione di scorta del carico trasportato, consegnava documenti riportanti diverse cancellature e date non compatibili con il percorso effettuato. Per tale motivo i finanzieri decidevano di effettuare un controllo più approfondito del mezzo sul quale venivano rinvenuti 21 tonnellate di pellet, divisi in sacchi di plastica, riportanti il marchio ENplus® A1 (il marchio rappresenta la certificazione più diffusa attestando la qualità del prodotto, la tracciabilità e il ciclo di vita del pellet. La categoria A1 attesta il pellet più pregiato). I finanzieri hanno accertato che altri carichi, nei giorni precedenti, erano stati già consegnati a clienti/rivenditori italiani insistenti principalmente nella regione lombarda. Tale situazione veniva prontamente partecipata alla Procura della Repubblica di Pordenone che disponeva l’esecuzione di perquisizioni locali presso le province di Bergamo, Cremona e Mantova, permettendo, in tal modo, di sottoporre a sequestro penale ulteriori 190 tonnellate di pellet.

Related posts