2 Febbraio 2023 - 11:31 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

MiGuardiPd Exxx…Polzive!!! Domani a Palmanova i Dem scelgono il segretario. Incubo astensione e angoscia per Renzo Liva dopo “…Mi guardi Serracchiani…”.

 

“Mi guardi onorevole Serracchiani…, le sembra che io stia un passo dietro agli uomini?”. E’ stato il momento peggiore del PD vissuto dopo il 25 settembre. Per alcuni esponenti di livello dei progressisti friulani interpellati da chi scrive, l’episodio “dovrebbe” avere conseguenze sull’assemblea di domani. Il ragionamento è semplice. I Dem dall’ultima tornata elettorale non sono usciti bene; nessuno ne ha preso atto, a parte Shaurli che comunque aveva tentato, con un blitz, la fuga a Roma ma aveva fatto male i conti col diabolico Rosatellum. Russo, in un’intervista al Messaggero Veneto, aveva tuonato: “Tutta la prima linea del partito che ha perso le elezioni è rimasta saldamente sulle proprie poltrone a cominciare dalla scelta di confermare le due capogruppo”. Una delle due capogruppo, sponsor di Franco Liva, è finita nel tritacarne mediatico delle repliche al discorso del presidente del consiglio. L’altro schiaffo al Pd lo ha tirato Renzi il giorno dopo al Senato. Messo assieme questo rosario di doglianze si corre il rischio che domani, dei 103 aventi diritto al voto, si presentino ben pochi, amareggiati dal continuo perseverare in errori clamorosi. In ogni caso bisognerà eleggere il nuovo segretario-ponte dopo le dimissioni di Cristiano Shaurli. Gli aventi diritto al voto troveranno la scheda dei due candidati in corsa, ambedue pordenonesi: la consigliera regionale Chiara da Giau e l’ex consigliere Renzo Liva. Come riporta “Il Gazzettino”, nessuno si fascia la testa per il mancato raggiungimento di una sintesi fra i due candidati. Anzi. Per Da Giau (sostenuta dal vice segretario Coppola e Francesco Russo): “Meglio essere ricchi che poveri”. Replica Liva (sostenuto da Spitaleri e Serracchiani): “Questo territorio è in grado di esprimere non solo ministri (Ciriani Ndr), ma anche esponenti Dem”. Il compito del nuovo segretario non sarà semplice. Dovrà tenere il punto sulla complicata tornata elettorale delle regionali, risolvere la diatriba tra Venanzi e De Toni a Udine (oggi un elemento di chiarezza su Fontanini che potrebbe lasciare) e tentare il colpo a Sacile. Intanto però resta sullo stomaco l’indigeribile “Mi guardi onorevole…”.  

Related posts