22 Giugno 2021 - 12:37 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

MesateFriulane Exxx…Polzive!!! Scintille in commissione sullo scandalo compensi ai presidenti delle comunità. Oltre 4.000 euri mese. Roberti infuriato rinvia l’esame del provvedimento che rischia l’incaglio. Esclusivo

 

Tira una brutta aria sulla proposta deliberata dalla giunta Fedriga di trasformare in ripari dorati e ben pagati gli incarichi nei nuovi enti. Serracchiani per le sue Uti non tirava fuori un boro, l’assessore leghista Roberti inonda invece i politicanti di euri a volontà. Viene stabilito anche un rimborso mensile a forfait di 400 euri per il presidente e di 200 per i membri esecutivo. Partite iva alla canna del gas.

Nel nuovo assetto di superamento delle Uti, ai presidenti di Comunità 〈Montagna e Collinare〉 è previsto un compenso di 4.300 euri mese. Ai membri dell’esecutivo 1.380 euri rimborsi compresi. In altre Comunità del Friuli, tipo Riviera Adriatica, la cifra scende a 3.130+400 euri per il presidente e 950+200 euri per i componenti dell’esecutivo. Cifre da capogiro che hanno stordito tutti i friulani. E infatti la spigolosa questione delle indennità per i nuovi enti istituiti dall’assessore regionale Roberti, si è incagliata in commissione. Secondo il consigliere Iacop, la questione dovrebbe seguire una certa linearità che si aggancia alla proposta del Cal di aumentare le mesate per i sindaci: “È giusto riconoscere le dovute indennità a chi si spende per il territorio, ma è importante farlo all’interno di un intervento organico e non a comparti stagni, a seconda che si tratti di un’amministrazione comunale o di un comitato esecutivo delle Comunità di Comuni. L’accelerazione nel voler determinare le indennità solo per gli amministratori delle Comunità – spiega ancora Iacop – era assolutamente intempestiva“. Roberti, vista la malaparata, ha rinviato l’esame delle misure. Anche il consigliere Tiziano Centis, componente della V commissione, ritiene eccessivo il compenso agli amministratori delle nuove Comunità. “La presidenza dovrebbe essere ricoperta dal sindaco del comune più popoloso della Comunità in modo da non incidere sui costi”. In pratica sul modello della Comunità di Riviera dove presidente è il sindaco di Latisana.  

Related posts