23 Aprile 2021 - 4:38 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

MascherineDiMerda Exxx…Polzive!!! Inchiesta su Rete4. Disposto il ritiro immediato delle mascherine cinesi acquistate dall’ARCS del direttore Tonutti. Culpa in vigilando. Medici e infermieri del Friuli VG in allarme. Chiesta una verifica. Esclusivo

La segreteria della FIALS, in relazione all’inchiesta tv sulla qualità delle mascherine in dotazione al personale sanitario del Fvg, chiede che vengano testati tutti i lotti di mascherine che sulle confezioni non riportano nello specifico il dato tecnico di conformità.

La posizione organizzativa Francesca Dragani responsabile prevenzione dell’azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina, ha disposto il ritiro immediato dei dispositivi di marca WENZHOU HAUSAI in seguito a una segnalazione di non conformità. Le mascherine erano state distribuite e ad assegnate agli ospedali del Friuli Venezia Giulia fin dal 27 maggio scorso, facevano parte di una commessa da 100milioni di mascherine cinesi acquistate da Arcuri a 2,16 euri cadauna. Fra gli operatori sanitari, medici e infermieri è scoppiato il panico. Sistema sanitario regionale Fvg nel caos più totale. Non basta il caso dell’azienda di Pordenone col direttore Polimeni ormai impresentabile, ora, grazie all’inchiesta di Mario Giordano andata in onda ieri sera su Rete 4, esplode il caso mascherine definite dal laboratorio di Torino, “di Merda”. Carmen La Gatta, ha condotto l’inchiesta e ha portato due mascherine a campione di quella commessa in un laboratorio d’analisi per effettuare la verifica della funzionalità. Non è stato scelto un laboratorio qualsiasi ma alla “Fonderia Mestieri” Srl di Torino. Alla prima prova con l’olio di paraffina, una mascherina ha evidenziato una capacità di penetrazione del 73,99* % mentre alla seconda prova effettuata con il cloruro di sodio la capacità di penetrazione è stata del 50,98%. Questo è l’aspetto più inquietante dell’inchiesta condotta da “Fuori dal coro”. Queste mascherine, quindi, non sarebbero potute essere utilizzate nel nostro Paese. Eppure, non solo sono state distribuite, ma sono state assegnate agli operatori di alcuni ospedali del Friuli Venezia Giulia il 27 maggio scorso. La consegna è stata effettuata dalla Protezione civile. Risultano essere state prodotte dalla Wenzohou Husai e importate dalla Wenzhou Light, una delle società scelte da tre italiani indagati fra i quali Mario Benotti. Sono costate 2,16 euro l’una.

Chi ha sorvolato e ignorato i controlli sugli acquisti? La culpa in vigilando è pressochè clamorosa e va ricondotta all’azienda centralizzata per gli acquisti. L’Arcs. 

Related posts