30 Maggio 2024 - 11:38 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

LegaElettrosega Exxx…Polzive!!! Siluro atomico di Salvini ai signornò friulani: “Voglio acciaio italiano per costruire il ponte di Messina”. Un sospiro per i trombati: “Elezione diretta per le province”. A Richard Gere: “Apri le porte delle tue villone agli immigrati”.

Il passaggio che ha spiazzato i leghisti friulani (tutti contrari all’acciaieria a San Giorgio) è arrivato a metà comizio, quando Salvini ha illustrato il progetto del ponte di Messina: “Dobbiano difendere l’acciaio italiano, che sia bresciano, lombardo, friulano, campano, non importa. Vorrei utilizzare l’acciaio prodotto in Italia per fare il ponte“. Cosa diranno i pusilanimi friulani che si sono lasciati sfuggire la rivoluzione industriale del secolo, quella che avrebbe messo il Friuli al centro della produzione industriale europea? Il baccalà di Salvini è doloroso, assai. Soprattutto per le future generazioni che non campano di brovada e musetto o di folklore. A Pontida, in questo senso, un passo avanti. Poi si è tornati al tema del momento che è quello dell’immigrazione cui il segretario ha dedicato buona parte del suo intervento: “Dobbiamo combattere l’invasione, ogni mezzo deve essere studiato e utilizzato”. E a proposito del processo Open Arms a Palermo cui l’attore Richard Gere è testimone contro il leghista, Salvini è stato telegrafico: “Richard!! Bacioni…, apri le porte delle tue ville e portateli a casa tua”. Il grande raduno di Pontida oggi era e concomitante con la visita di Von Der Leyen a Lampedusa. “Ma non c’è nessuna divergenza”, assicura Salvini. Nel mirino del leader leghista anche Soros: “Non può essere considerato un benefattore colui che agisce contro la sovranità degli stati”. Il leader ha preso la parola dopo l’applauditissima Marine Le Pen. Il tratto è rapido, saettante e denso di proposte politiche. Dopo aver ricordato Roberto Maroni e Silvio Berlusconi, Salvini ha accelerato ed elencato rapidamente per titoli il programma politico: “Con la Lega al governo la lotta a quella merda che si chiama droga sarà inflessibile. Se siamo qui più forti di prima significa che gli amministratori sul territorio stanno facendo un grande lavoro. Le province, strumento efficacissimo, devono tornare ad essere elette direttamente dai cittadini. E’ un filo che ci accompagna, una convinzione: Siamo destinati a vincere nei prossimi anni, in Italia e in Europa. Contro la sinistra con le sue folli idee noi difendiamo le libertà non la Libertà e difenderemo i più deboli. Le banche diano una parte dei loro profitti miliardari alle persone in difficoltà. Libertà intese – prosegue Salvini – come libertà di pensiero e di parola per tutti, anche di scrivere libri per un generale che ha difeso l’Italia nel mondo”. Sui temi etici Salvini puntualizza: “Mai utero in affitto, mai sfruttare il corpo di una donna povera, il bimbo deve nascere dall’unione fra uomo e donna. Difendo il diritto dei giovani a lavorare, dei ragazzi che meritano e che non hanno bisogno di un aiutino o un redditino. Entro la fine dell’anno mai più reddito di cittadinanza a chi non vuole lavorare. Ti rifiuti di andare a lavorare? non tiri più un reddito di cittadinanza”. Salvini ricorda la flat tax, che vuole estendere a dipendenti e lavoratori autonomi e la  cancellazione della legge Fornero. “Prenotiamoci – conclude – a fare 10 pontide con la Lega al governo”.    

Related posts