24 Luglio 2024 - 8:23 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

FrecceTricolori Exxx…Polzive!!! La sinistra attacca sull’incidente di Torino: “Le Frecce sono da abolire”. Militari presenti all’aeroporto avevano segnalato la presenza di volatili in zona. Alla guida il pilota friulano Del Dò.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale del Partito di Rifondazione Comunista accusa: «Sentiamo il dovere di riaffermare che riteniamo le Frecce Tricolore uno spreco di soldi e uno strumento di propaganda guerrafondaia dannoso, diseducativo, e purtroppo anche pericoloso». Sula stessa linea la padovana Luana Zanella, capogruppo di Alleanza Verdi e Sinistra alla Camera. «Le manifestazioni delle Frecce», sottolinea, «devono essere oggetto di valutazione alla luce dei loro costi, soprattutto a livello ambientale, oltre che per la loro pericolosità. Crediamo siano da abolire». Il giorno dopo la tragedia di Caselle e ancor prima di conoscere le cause dell’impatto, la polemica si fa rovente. Nel frattempo emergono alcuni particolari sui momenti che hanno preceduto la tragedia. Ne scrive il Corriere della Sera: “Impatto con gli uccelli o guasto meccanico. È su queste due ipotesi che si indaga negli ambienti dell’Aeronautica Militare per capire cosa sia successo all’Aermacchi MB-339 delle Frecce Tricolori precipitato all’aeroporto di Torino Caselle. Fino a ieri sera lo scontro con i volatili risultava la spiegazione più plausibile. Anche perché sei secondi dopo il decollo il pilota avrebbe lanciato l’allarme al capo squadra parlando di «problema al motore» e «bird strike», scontro con gli uccelli. Alle 16.30 i velivoli della pattuglia acrobatica nazionale hanno lasciato le piazzole della divisione velivoli Caselle Sud delle strutture di Leonardo. Alle 16.52 — dopo il via libera della torre di controllo — sono decollati, in rapida successione, dalla pista 36. Subito dopo il motore di uno degli aerei — denominato «Pony 4» perché è il secondo gregario sinistro della formazione — si ferma. Alcuni comandanti e primi ufficiali presenti in aeroporto — chi in attesa di decollare e chi appena atterrato — segnalano ai colleghi che in quel momento ci sono diversi uccelli tanto da ritenere il rischio di «bird strike» elevato: è un fenomeno pericoloso perché i volatili tendono a finire nei motori fino a metterli fuori uso. Con un Aermacchi MB-339 anche uccelli piccoli possono mandare in tilt l’unico propulsore. Chi ha avuto modo di parlare con gli altri piloti della formazione riporta che tutto è avvenuto molto in fretta. L’Aermacchi dopo essersi staccato perde quota in «modalità controllata», seguendo quanto previsto dai protocolli delle Frecce Tricolori per ridurre al minimo le conseguenze negative. Il pilota resta fino all’ultimo momento utile a bordo prima di azionare il seggiolino eiettabile. Il velivolo precipita all’interno del sedime aeroportuale, prende fuoco e lascia sul prato — alla sinistra della pista — un grosso segno di bruciatura. I pezzi più grossi, ancora in fiamme, sfondano il reticolato che delimita lo scalo: qualcuno finisce sul canale d’acqua, qualcun altro prosegue e uno di questi prende in pieno l’auto con la famiglia. Il resto della pattuglia prova due volte ad atterrare a Torino, poi deve dirigersi a Milano Linate”. Cho è il pilota Oscar Del Dò? Friulano, classe ’87, è un pilota del reparto acrobatico dell’Aeronautica militare dal 2019. Il 36enne è entrato nell’accademia dell’aeronautica nel 2007, un anno dopo il diploma conseguito all’Istituto tecnico Malignani di Udine. Poi ha iniziato a ottenere i primi brevetti di volo, prima in Grecia e poi in Italia, fino all’assegnazione all’Amx International, l’aereo d’attacco monomotore soprannominato ‘Ghibli’. Dopo il servizio al 132esimo Gruppo del 51esimo Stormo di Istrana, Del Dò è stato selezionato per entrare a far parte delle Frecce Tricolori con la posizione di ‘Pony 7′, prima di arrivare all’attuale ‘Pony 4’. Nel 2020, in occasione di un incontro nell’aula magna dell’Istituto tecnico Malignani di Udine, raccontò agli studenti del suo ingresso nella squadra delle Frecce Tricolori: “Era il sogno nel cassetto, così ho partecipato e ho avuto la fortuna di essere selezionato”. 

Related posts