11 Maggio 2021 - 11:41 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

LaQuieteFvg Exxx…Polzive!!! Bertossi volta pagina. E’ Andrea Cannavacciulo il nuovo direttore dell’Asp più grande della regione. Caporale DG all’ASUFC. Le 70 candeline dell’intramontabile Saro. Esclusivo

 

Come da previsioni, Denis Caporale, fedelissimo sahariano dai tempi in cui faceva l’amministratore nel comune di Remanzacco, é il nuovo direttore generale della più grande azienda sanitaria del Friuli. Ha preso il posto del fuggitivo Massimo Braganti. Caporale é stato nominato dalla giunta su proposta del vice presidente Riccardi. Procedamus.

Oggi è il gran giorno di due personaggi di livello della politica regionale: Ferruccio Saro e Alberto Bertossi. Auguri a Ferruccio, intramontabile Saro. Il Richelieu indiscusso della politica in Fvg. Dove c’è Saro ci sono casini. E’ una certezza. Ma se in politica, come nella vita, non ci sono casini, che roba eh? Il Sudamerica, per nostra fortuna, è ben lontano e le caserme, anche in Friuli, sono in via di estinzione. Auguri e lunga vita a Ferruccio dai birbanti di Leopost. Intanto, e questo è un bel segnale condiviso anche dal festeggiato ex socialista, il CDA de “La Quiete” ha deliberato ieri sera sulla scelta del nuovo direttore. Sarà Andrea Cannavacciuolo. Una settimana fa su queste pagine si scriveva: “Un Chair Game di alto livello. Se per la Quiete si fa insistentemente il nome di Andrea Cannavacciulo, nell’azienda sanitaria Friulana le ipotesi sui nomi per la sostituzione del direttore (Braganti ritornato in Umbria Ndr), sono più complicate. Due punti fermi. Il direttore facente funzioni che sarà Alessandro Faldon e il direttore socio-sanitario Denis Caporale, che gode di una posizione centrale nel cerchio tragico del forzista Riccardi”. Questo si scriveva.

Tornando ad oggi, il presidente de La Quiete Alberto Bertossi ha voluto dare un segnale di discontinuità col passato. Si volta pagina. Dopo il periodo di Guarneri-Gasparin, si può affermare che il nuovo corso è iniziato con la nomina del neo direttore. Per lui un compenso che sfiora i 140 mila euri-anno e la sconfitta della corrente Zanin-Mtf in città che aveva il proposito di incasellare l’amico Ferruccio Anzit al posto di Bertossi.

Related posts