28 Maggio 2024 - 11:15 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

GradoFulminado Exxx…Polzive!!! Scoppia il caso Roberto Marin: dopo appena due anni scarica la Git per candidarsi sindaco. Posizione predominante sotto la lente dell’Anac. Farà campagna elettorale o si occuperà della spiaggia? I maligni: Cosa gli hanno promesso in caso di sconfitta? Ronchiato o Bredeon probabili candidati.

Da alcune settimane l’isola è sottosopra. Le anticipazioni di leopost sull’ipotesi del ritorno di Roberto Marin come candidato sindaco, hanno trovato conferma nelle dichiarazioni della coordinatrice di Forza Italia Sandra Savino riportate oggi da “Il Piccolo“. La sottosegretaria ha confermato l’impegno del presidente della Git come candidato sindaco sostenuto dagli azzurri, Lega, Lista Kovatsch e centristi. Mai con Fratelli d’Italia che, dal canto suo, stasera riunirà al “Sanremo” il gruppo di lavoro che dovrà decidere chi, fra Ronchiato e Bredeon, dovrà vedersela contro Corbatto (centrosx) e Marin. A meno di due mesi dal voto, già si notano tempestose nubi che minacciano il litorale dell’isola più amata dalla scaltrissima Alma Mahler. Le ragioni delle violente perturbazioni politiche vanno ricercate nella candidatura dell’ex sindaco Marin. La sua discesa in campo è già un caso politico di livello regionale: come combinerà il suo ruolo di presidente della Git? sarà rivolto alla campagna elettorale oppure all’apertura della stagione? e cosa gli hanno promesso in caso di sconfitta? una sistemazione in Promoturismo? Come si vede la tempesta monta. Anche perché il precedente risale a pochi anni fa. Nel 2021 Kovatsch, già commissario sull’isola, aveva ormai annunciato la sua candidatura e alcune forze del centrodestra erano disposte a seguirlo. In mezzo però si era messa Forza Italia che aveva calato, inaspettatamente, Roberto Marin che non sentiva ragioni di ritirarsi. Il centrodestra si fece ricevere dal Centro di Salute Mentale non sapendo come fare per convincere Marin a togliersi dalle scatole. In soccorso arrivò la classica soluzione paraculesca che mette d’accordo tutti: la presidenza Git come compensazione per il passo indietro concordato coll’assessore Bini (ricordare questo nome, poche righe più giù). La carica sarà ufficializzata nell’aprile del 2022. E oggi, dopo appena due anni al vertice, il presidente volta le spalle alla società che ha in mano il destino del turismo locale per tentare la corsa a sindaco da una posizione dominante di presidente di una partecipata. I perfidi gradesi, che non bevono le litanìe triestine ricordano: Cosa gli hanno promesso in caso di sconfitta? (vedi Io Sono Friuli Venezia Giulia). Il tema sarà al centro del vertice convocato per stasera al San Remo da Fratelli d’Italia (in rotta con Lega e Forza Italia), lista del sindaco ed esponenti di Coraggio Italia di Delbello. Si dovrà decidere chi, fra Ronchiato e Bredeon, sarà il candidato sindaco. Primo impegno del candidato Marin: presentazione del libro Ora Basta! della sindaca di Monfalcone Anna Cisint il 26 aprile alle ore 18.30 all’hotel Astoria. Come si canta a Grado: fuori de tapo.

Related posts