23 Aprile 2021 - 8:35 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

FriuliTossico Exxx…Polzive!!! Il CAFC di Udine teme i controlli sui depuratori. Incaricato l’avvocato Luca Ponti per intimidire l’Osservatorio contro l’illegalità del Fvg di Marino Visintini. Esclusivo.

La lettera è stata inviata a fine gennaio. Indirizzata al titolare dell’Osservatorio Marino Visintini e per conoscenza alla Commissione Europea, al ministero dell’ambiente e alla Corte dei Conti. Il Consorzio acquedotto Friuli Centrale, presieduto Salvatore Benigno braccio destro del presidente Zanin-Mtf, lamenta numerose e costanti attenzioni da parte dell’Osservatorio sul depuratore di Lignano Sabbiadoro. Nello specifico, “un malfunzionamento del depuratore, le responsabilità, violazioni normative procedure lavori pubblici, controlli, violazioni ambientali e sanitarie”. Un dossier che punta il dito contro le modalità di gestione del depuratore gestito dal Cafc a Lignano. Lo studio legale Ponti ha diffidato l’Osservatorio. Ecco la risposta di Visintini.  
«Ho riflettuto parecchio prima di divulgare questo comunicato, ma alla fine l’ho ritenuto un obbligo verso me stesso 〈…〉. Per la prima volta, abbiamo ricevuto da un esimio studio legale udinese su mandato specifico dal CAFC Spa, una lettera che ci pare assolutamente intimidatoria in quanto volta a limitare la libera azione di un’associazione, l’Osservatorio Civico contro le Illegalità del Friuli V.G., caratterizzata da propositi costruttivi di trasparenza assoluti verso ogni problematica emergente nel nostro territorio che forse sono stati, fallando, interpretati come accusatori o di ingerenza gratuita 〈…〉, veniamo avvertiti che ” si diffida l’Osservatorio a proseguire oltre nelle proprie iniziative, ritenendolo diretto responsabile, in uno con il signor Marino Visintini al quale la presente a titolo personale è parimenti indirizzata, del pregiudizio patrimoniale e non patrimoniale che la mia Assistita venisse a patire”.
Il nostro stupore commisto all’amarezza dovuta alla nostra buona fede e volontà di fare l’interesse pubblico viene ora ulteriormente aumentata dalla lettura delle osservazioni proposte dai Consiglieri Regionali Cristian Sergo e Ilaria Dal Zovo nella procedura di screening avviata dagli uffici regionali su un progetto di Potenziamento ed adeguamento dell’impianto di depurazione di Lignano Sabbiadoro proposto dal gestore: 50 pagine documentate ed argomentate che non fanno altro che incrementare le nostre preoccupazioni sullo specifico.
Ci domandiamo perchè il CAFC Spa o la Regione Friuli V.G. che dovrebbero essere super partes, invece di continuare questo muro contro muro con i consiglieri del Movimento 5S limitandosi a sporadiche dichiarazioni rassicuranti, non circostanzino i punti contestati nel dettaglio ed affrontino magari in un dibattito pubblico consentendo una volta per tutte di comprendere la reale situazione in maniera non equivoca e parziale.
L’Osservatorio non intende affatto ledere l’immagine di CAFC Spa, ma desidera solo sopperire alla mancanza di informazioni precise e tutelare i diritti dei cittadini che, in quanto fruitori di servizi erogati dal CAFC Spa, pagano adeguatamente.
Come il sottoscritto sta facendo da oltre 30 anni, l’Osservatorio vuole procedere nell’interesse della difesa dell’Ambiente, della Salute e dei Diritti del Cittadino e tenterà di sensibilizzare e coinvolgere più gente possibile affinchè tutti prendano conoscenza di sè e della comunità cui appartengono.
Distinti saluti.
15 marzo 2021
ll referente dell’Osservatorio Civico contro le illegalità del Friuli V.G.

Related posts