28 Novembre 2022 - 5:01 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

Falsificavano gli atti notori: 141 stranieri, mantenuti in strutture pubblche, tiravano il reddito di cittadinanza.

Nell’ambito dell’attività ispettiva sulle misure di sussistenza portata avanti negli ultimi mesi e tesa ad approfondire segnalazioni ed input informativi, le Fiamme Gialle triestine hanno scoperto e sanzionato complessivamente n. 141 persone, che, ospiti di strutture con oneri a totale carico dello Stato, hanno indebitamente richiesto e percepito la forma di sussidio in argomento. Le indagini sono state sviluppate in maniera trasversale, incrociando gli elementi informativi acquisiti dalla costante attività d’intelligence e di controllo economico del territorio con talune segnalazioni e le banche dati a disposizione del Corpo presenti sulla cosiddetta “Dorsale Informatica”. A seguito di tali approfondimenti investigativi sono quindi emerse le posizioni di n. 141 soggetti stranieri che, ospitati presso strutture dislocate nella Provincia di Trieste a spese dello Stato, avevano ottenuto indebitamente dall’INPS, utilizzando false autocertificazioni, diverse quote mensili di R.EM (fino a un massimo di 12 mensilità, oscillanti, in base agli indicatori di reddito e patrimoniali posseduti, in una forbice tra 400 e 800 euro per rata, per un massimo, quindi, di 9.600 euro per il biennio 2020/2021). Ciò in violazione della normativa in
questione che, specificamente, esclude dal beneficio tutti coloro che soggiornano gratuitamente presso strutture pubbliche. Gli accertamenti condotti dai finanzieri hanno consentito di ricostruire quanto illecitamente ottenuto dai soggetti in argomento quantificato in un importo complessivo pari a Euro 317.940,00, procedendo nei loro confronti con la contestazione della conseguente violazione amministrativa comminata ai sensi dell’art. 316-ter, comma 2 del codice penale (indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, punita con una sanzione amministrativa da euro 5.164 a euro 25.822, per un totale massimo complessivo di sanzioni pari ad euro
953.000,00 e l’avvio delle procedure per il recupero degli importi non spettanti). Ulteriori accertamenti sono tuttora in corso per individuare eventuali ipotesi di reato di competenza dell’Autorità Giudiziaria.

Related posts