28 Febbraio 2021 - 12:52 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

DisordineFriuli Exxx…Polzive!!! Il Circolo “La Tribuna” apre la campagna elettorale a Codroipo. L’ex assessore rifiuta PM Zanin a un webinar di Mattioni. L’europeista Cesarino Toso di Forza Italia contro la madre delle riforme di Fedriga: temporeggiare sulle comunità. Esclusivo.

Medio Friuli incandescente e arroventato. Sono i giorni del ricovery e dell’euforia draghiana la cui ubriacatura ha raggiunto anche il Nord Est. Il tema della ripresa economica va ad incastrarsi inevitabilmente con quello elettorale. E son dolori e ferodi arroventati. Mercoledì prossimo, 24 febbraio, il circolo presieduto dal questurino locale Thierry Snaidero, metterà il timbro sul convegno “RilanciaFriuli2021”. I relatori sono di livello, a partire dall’imperdibile economista Fulvio Mattioni, passando per il dirigente sindacale Iris Morassi per arrivare al consigliere regionale del “Patto” Massimo Moretuzzo. Come si nota dalla locandina, al convegno è stato invitato anche l’autoassunto direttore di Mtf Pietro Mauro Zanin. Una scelta improbabile, visto il coté dilapidatorio 〈200mila euri-anno〉 dell’esponente politico che si è costruito su misura una partecipata pubblica per fornire un servizio di raccolta rifiuti a un un solo comune, quello di Lignano Sabbiadoro…

L’invito a partecipare al webinar all’autoassunto direttore di Mtf di Lignano, ha fatto infuriare l’ex assessore di Talmassons Beppino Turco e ieri, nella riunione preparatoria, sono volati gli stracci.

Agli addetti ai lavori rimasti un pò indietro, appare evidente che il Convegno è lo strumento ottimale per tarare le potenzialità di una ipotesi di lista del sindaco il cui primattore potrebbe essere proprio il questurino codroipese, Tierry Snaidero. Tuttavia l’appuntamento di mercoledì corre il rischio di venir triturato dal dibattito sulla Comunità del Medio Friuli che i forzisti locali non vogliono realizzare. Zanin-Savino-Riccardi si sono messi di traverso alla costituzione della madre di tutte le riforme coccolate e sostenute dall’assessore leghista Roberti. In questo senso, lo stesso punto di riferimento codroipese di Riccardi, ovvero Cesarino-Richelieu-Toso, sostiene che, prima di armeggiare attorno alla nuova Comunità, sarebbe meglio attendere le elezioni di Codroipo del prossimo anno. Uno sbrego doloroso che non fa altro che danneggiare ulteriormente i cittadini e le loro attese di rilancio. Per Zanin, Savino e Riccardi, gli interessi personali vengono prima, ma molto prima di quelli dei contribuenti.

Related posts