22 Giugno 2021 - 12:08 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CuccagnaFriuli Exxx…Polzive!!! Oggi i sindaci del CAL voteranno a favore dei compensi stellari per gli amministratori dei nuovi enti: Sfiorano i 4.000 euri-mese. Partite Iva alla canna del Gas. Esclusivo

E’ convocato per oggi pomeriggio lunedì 10 maggio in videoconferenza, il Consiglio delle Autonomie locali (Cal). L’organismo consultivo dovrà esprimersi sulla delibera della vergogna friulana: quantificazione di un’indennità di funzione a favore del presidente e dei componenti del comitato esecutivo delle Comunità e delle Comunità di montagna. La cuccagna contenuta nella delibera è stata approvata dalla giunta Fedriga nel marzo scorso in via preliminare e all’unanimità. I componenti del Comitato che voteranno a favore delle mesate sono i sindaci dei seguenti comuni: Comune di Gorizia (membro di diritto), Comune di Pordenone (membro di diritto), Comune di Trieste (membro di diritto), Comune di Udine (membro di diritto), Comune di Pravisdomini – Comune di Palmanova – Comune di Premariacco – Comune di Talmassons – Comune di Zoppola – Comune di Cormons – Comune di Gemona del Friuli – Comune di Precenicco – Comune di Vito d’Asio – Comune di Grado – Comune di Muggia – Comune di Aviano – Comune di Buja – Comune di San Vito al Tagliamento – Comune di Tricesimo – Comune di Tarvisio – Comune di Martignacco – Comune di Tolmezzo. Le mesate previste per il presidente delle Comunità Collinare e il futuro presidente della Carnia sono fissate in 3.910 euri/mese più rimborso spese forfetario di 400 euri/mese. Partite Iva alla canna del Gas. Per gli enti che, dal primo gennaio hanno già eletto gli organi direttivi, la regione provvederà a pagare gli arretrati, per cui il presidente della comunità Collinare, sindaco di Osoppo Bottoni, tirerà circa 20mila euri di arretrati e un membro dell’esecutivo, per fare un nome a caso il patriota Turridano, che ha tradito i suoi elettori di Dignano per la mesata collinare 〈si è dimesso da consigliere comunale〉, tirerà circa 5.000 euri di arretrati. Gli altri presidenti sono quelli della comunità Natisone-Torre; Comunità di Riviera e della Pedemontana, Gemona-Artegna.

Sono invece ancora ingrippate le Comunità di Montagna della Carnia e le due del Pordenonese quella Est di Spilimbergo-Maniago e quella Ovest di Aviano-Cimolais ed Erto. Un caos derivato dalle stellari indennità e piacevolmente impreviste per gli amministratori. Contribuenti senza mutande. Gli altri compensi sono così dettagliati: per le Comunità la cui popolazione complessiva dei comuni aderenti è uguale o superiore a 10.000 abitanti: euro 3.130 a favore del Presidente; euro 950 a favore dei componenti del Comitato esecutivo; b) per le Comunità la cui popolazione complessiva dei comuni aderenti è inferiore a 10.000 abitanti euro 2.350 a favore del Presidente; euro 710 a favore dei componenti del Comitato esecutivo; gli importi come sopra determinati dovranno essere corrisposti al netto di indennità spettanti per cariche eventualmente esercitate presso altro ente locale. Al Presidente ed ai componenti del Comitato esecutivo delle Comunità e della Comunità di montagna spetta un rimborso forfetario mensile delle spese di viaggio e soggiorno sostenute per gli spostamenti effettuati in relazione all’espletamento del mandato, pari ad un importo massimo di 400 euro mensili per il Presidente e di 200 euro mensili per i componenti del Comitato esecutivo.

Il presidente del Comitato Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia è Di Bisceglie, sindaco di San Vito al Tagliamento, tristemente celebre su queste pagine per via del caso Kronospan. Veleni nel Tagliamento. Il coordinatore della prima commissione è il sindaco di Gemona, Revelant. 

Related posts