23 Aprile 2021 - 7:55 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CatastrofeSanitaria Exxx…Polzive!!! Le restrizioni di Fedriga-Riccardi smentite dal CTS: “Mancano studi che ci permettano di identificare luogo e attività che determinano l’infezione”. Esclusivo.

Fedriga, alcuni giorni fa ammoniva: “Per mettere in sicurezza il sistema sanitario e la popolazione, stiamo valutando delle nuove misure per tutta la regione e più restrittive per le zone più a rischio del territorio”. Dal canto suo, il direttore della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, nella consueta conferenza stampa sulla situazione epidemiologica, rispondendo ad una domanda sull’incisività della chiusura delle scuole nella mitigazione epidemica, affermava che «mancano studi che ci permettono di identificare con esattezza luogo e attività che determinano l’infezione». Catastrofe.

Fedriga, sempre sul pezzo sanitario, puntualizzava: “Dovremo intervenire anche nell’ambito scolastico sul quale pensiamo di applicare le restrizioni a partire da lunedì in maniera uniforme – e aggiungeva – servono misure rigorose, efficaci ma anche accettabili il più possibile, perché la positiva applicazione delle misure di contrazione della libertà avviene quando vi è la più ampia condivisione possibile”. A questo punto, le dichiarazioni del direttore Rezza certificano il lacunoso modus operandi del Comitato tecnico scientifico, che formula indirizzi di comportamento ignorando la sorgente da cui si genera la diffusione epidemica. Ammettere di “non sapere” non incoraggia il superamento dei limiti, semmai ne estende la portata, obbligando i cittadini friulani a rinunciare alla socialità senza il conforto della fondatezza scientifica che stabilisca la correlazione fra i contagi e la fruizione degli spazi pubblici come le scuole.

C’avete rotto er cazzo. 

Related posts