9 Dicembre 2021 - 2:06 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CastaFriulana Exxx…Polzive!!! Roberto Fedele rade al suolo la casta dei sindaci frignoni. Rinuncia alla prebenda del rimborso forfettario introdotto da Roberti.

Enrico Bullian, sindaco di Turriaco 〈Go〉 restituisce le mesate dei rimborsi spese, Roberto Fedele respinge la golosa proposta del forfettario mensile. In pratica la regione paga i sindaci anche se non effettuano missioni. Esentasse. Cuccagna Friuli.

L’assessore regionale Roberti che ha portato in giunta regionale la proposta di elevare le indennità dei sindaci e di introdurre il meccanismo di rimborso spese a forfait per la casta dei sindaci frignoni, ha sbagliato i conti. Su 215 sindaci che si sono lasciati ingolosire dall’aumento delle mesate ce ne sono un paio che rifiutano il privilegio, oltre a Bullian c’è Roberto Fedele, sindaco di Trivignano Udinese, cui è stato comunicato che gli uffici non hanno le risorse per pagare 350 euri di rimborso spese mensile.

Per questo motivo il 19 agosto scorso ha depositato al protocollo la sua dichiarazione in cui rinuncia al rimborso forfettario e intende avvalersi del rimborso “a piè di lista”.

La ragione della scelta risiede nel fatto che, come viene ribadito nella richiesta depositata al protocollo, sussistono “…difficoltà dell’ente a destinare maggiori risorse di parte corrente che scaturirebbero dagli adeguamenti di tale provvedimenti, a ristoro delle spese per le missioni degli amministratori locali…”.

Il sindaco è consapevole che nelle casse del suo comune non ci sono soldi e per questo motivo rinuncia al forfait. Evidentemente Roberti deve aver sbagliato i conti, oppure l’oculatezza dell’amministratore di Trivignano Udinese fa a pugni con altri comuni dove, con disinvoltura tutta friulana, oltre all’aumento delle mesate e alle spese per le missioni, i sindaci si sono raddoppiati le indennità grazie all’escamotage di comuni ad economia turistica. Gli esempi di Forni di Sotto e di Sopra sono allucinanti. Intanto la Giunta regionale ha approvato in via preliminare, dopo le frignate dei sindaci, la seguente tabella di rimborsi forfettari:

a) comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti euro 350;

b) comuni con popolazione compresa tra 1.001 e 3.000 abitanti euro 350;

c) comuni con popolazione compresa tra 3.001 e 5.000 abitanti euro 550;

d) comuni con popolazione compresa tra 5.001 e 10.000 abitanti euro 550;

e) comuni con popolazione compresa tra 10.001 e 20.000 abitanti euro 600;

f) comuni con popolazione compresa tra 20.001 e 30.000 abitanti euro 600;

g) comuni con popolazione compresa tra 30.001 e 100.000 abitanti euro 850;

h) comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti euro 850.

Ovviamente la misura non vincola il rimborso ai viaggi effettuati. 

“I Sindaci possono esprimere, entro il 31 dicembre dell’esercizio precedente, a valere sull’esercizio successivo, la scelta di beneficiare del rimborso spese a piè di lista anziché del rimborso forfettario”.

Related posts