28 Novembre 2021 - 10:08 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CaligoLega Exxx…Polzive!!! Chi è l’uomo chiave di Giorgetti in Friuli? I leghisti del Triveneto pronti a seguire il Ministro dello sviluppo economico del Governo.

 

 

Fedriga si dimostra sempre di più un politico di razza. E’ il presidente dell’assemblea delle regioni e presidente del Friuli. Coperture formidabili a Varese, Vittorio Veneto (Zaia) e Roma. Edoardo Petiziol, il suo portavoce, è un fedelissimo di Giorgetti. Nulla si sceglie per caso, soprattutto in politica. Fedriga è convintamente pro Green Pass e pro vaccini al pari dell’intero ceto produttivo del Nord e della maggior parte dei presidenti di regione. La questione Luca Morisi, secondo l’attentissimo Verderami (vedi Corriere di oggi) che aggiunge anche la parola congresso, non ha fatto altro che accelerare una resa dei conti all’interno della Lega che era ormai improrogabile. Il primo petardo è il «no» di Giorgetti a Berlusconi per il Quirinale che mira a far saltare la federazione di centrodestra a cui aspira Salvini. E’ un assist formidabile ai centristi, i più affascinati da nuove piattaforme politiche generate dalla combinazione con Draghi alla presidenza del consiglio. Indicare un’area moderata insieme ai centristi, a un pezzo di Forza Italia, a Renzi e a Calenda, significa affrontare una partita diametralmente opposta a quella di Salvini. Il voto delle Amministrative sarà uno spartiacque soprattutto in Friuli, che darà un’ulteriore conferma della bontà del lavoro di Fedriga compiuto con i suoi fedeli. Diversa la lettura nazionale dove Salvini rischia di trovarsi in coda a Milano, Torino, Roma, Napoli e Bologna. Se dopo la tumultuosa avanzata alle Europee il voto dovesse consegnare al Carroccio un risultato sotto la soglia del 10% al Centro e al Sud, tramonterebbe infatti l’obiettivo di una forza a dimensione nazionale. In questo scontro tutto interno al Carroccio giocano un ruolo decisivo i potenti presidenti di Regione, che nei giorni del braccio di ferro sul green pass avevano sottolineato come la linea della Lega fosse «la linea dei governatori». In pratica la Linea Giorgetti-Draghi. Quella che infastidisce Salvini orfano della sua Bestia che in molti non digerivano. Giorgetti guarda con attenzione al Friuli che risulta regione importante per realizzare questo progetto che cambierebbe la geografia politica nazionale e minaccerebbe il disegno di Pd e Conte.

Related posts