3 Agosto 2021 - 2:44 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CaligoForzaItalia Exxx…Polzive!!! Il maneggione ZaninMtf apre la campagna elettorale col Tocai. La Lega lo asfalta: Chiacchiere da Bar. Spunta un bidone da 8milioni di euri tirato a una ditta di Caorle. Esclusivo

Fedriga o non Fedriga, lista o non lista del presidente e nuova legge elettorale, i regionali sono ormai entrati nel vortice della campagna elettorale. Lo dimostra la scombinata proposta che il presidente del consiglio Zanin-Mtf ha annunciato ieri a Bertiolo 〈Ud〉 durante la presentazione della tradizionale rassegna del vino. “Mi piacerebbe – ha detto Zanin-Mtf – che il Consiglio riprendesse in mano la questione del Tocai friulano“. Non passano nemmeno 24 ore che Fedriga sceglie uno degli assessori più apprezzati per far capire al Tragico che sulle questioni vitivinicole la competenza è dell’assessore spilimberghese. Infatti, nel primo pomeriggio di oggi, le diplomazie di Zannier hanno diffuso un’immediata replica alla squinternata proposta di Zanin-Mtf: 

“Dopo oltre dodici anni dall’ultima pronuncia giuridica in merito è perlomeno utopistico pensare di poter ritornare a usare la dicitura ‘Tocai’ per quello che ormai in tutto il mondo viene chiamato ‘Friulano’. Bisogna distinguere – conclude Zannier – i sentieri legalmente e istituzionalmente percorribili dalle illazioni e chiacchiere da bar“.

Una sonora bocciatura timbrata chiaramente Lega e soprattutto Fedriga che rivendica il pilotaggio della maggioranza e la selezione in atto del personale politico che dovrà far parte del progetto di rinnovamento della maggioranza 2023-28. No riciclati.

Intanto, sul forzista Zanin, dopo il caso Mtf, spunta un altro magheggio compiuto nel lontano 2006 sull’asse Exe-Mtf. L’ex sindaco di Talmassons è stato presidente e amministratore di Exe Spa dal 2003 al 2009. Un periodo formidabile che ha permesso a Canin di mettere le mani sulle uova d’oro di Mtf e tirare un bidone clamoroso da 8milioni di euri a una ditta di Caorle. Nel 2004 la Ecoverde si era aggiudicata il servizio di smaltimento rifiuti del comune di Lignano, durata 5 anni, per un importo totale di circa 10milioni di euri. Dopo 2 anni entra in campo la Exe di Zanin che, annusando la miniera lignanese, fa acquistare la Mtf dalla partecipata della provincia di Udine e la indirizza a Lignano. A questo punto il gioco è fatto e grazie al Rup Casasola, che aveva sorvegliato nel procedimento di assegnazione del bando alla Ecoverde, riesce a sfilare il servizio alla ditta di Caorle e assegnarlo alla cometa Mtf di Canin. Erano passati poco più di due anni  Il danno che Ecoverde subì dalla spregiudicata operazione fu di circa 8 milioni di euri. Forza Italia infetta, Regione marcia.

Related posts