24 Luglio 2024 - 7:43 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

UdineGaya Exxx…Polzive!!! A Trieste inaugurano le “Buone Pratiche” col Papa. A Udine l’assessora Chiara Dazzan si dimette da consigliera per far entrare Antonella Fiore, la teorica della “Narrazione falsa su Udine città violenta”.

 

A Trieste si apre la 50esima “Settimana sociale dei cattolici in Italia” e la più grande app di social networking al mondo per persone gaye, bisessuali, trans e queer è andata in tilt. “In Vaticano c’è aria di frociaggine” e di conseguenza, vista l’alta partecipazione di prelati italiani, il Papa si aspetta di trovare anche a Trieste una situazione particolare (ne scrive Fabio Omero sulla sua pagina fb). La stessa situazione che si respira a Udine, in maggioranza, dove l’aria di “frociaggine” è ormai una componente stabile dell’alleanza. Confermata dall’annuncio, secondo fonti interne alla maggioranza, delle dimissioni da consigliera comunale dell’assessora Chiara Dazzan. Una scelta che premia lAntonella Fiore che farà l’ingresso in consiglio grazie alle 151 preferenze ottenute nella lista “Spazio Udine” del “desertificatore” Marchiol. Antonella e Chiara, non è un mistero, sono gaye e nelle prossime assemblee comunali più di qualche consigliere di centrodestra ricorderà le parole del Santo Padre. Tuttavia la nuova consigliera è colei, forse l’unica, che in piena emergenza sicurezza, dopo le continue aggressioni e la morte di Shimpei Tominaga, ebbe a dire: “Dobbiamo opporci alla narrazione falsa che la descrive come violenta e pericolosa (…). Io sono una donna – prosegue Fiore – che esce di casa quasi tutte le sere e vive la città fino a tardi….”. Vaglielo a dire ai ragazzi della “Lampara”; al ragazzo di via Manin o alla ciclista di viale Trieste. La narrazione di “Spazio Udine” è stucchevole, maturata nel delirante progetto desertificatorio di Udine dilaniata dall’escalation di delinquenti che scorazzano indisturbati e padroni delle vie deserte. Dal palazzo invece non giunge nessuna notizia di probabili dimissioni da consigliere dell’assessore Ivano Marchiol. C’è chi teme l’ingresso in consiglio del grillino Domenico Liano. Udine città in pericolo ma è solo “narrazione” e dove in consiglio si sente aria di “frociaggine”.  Grindr in tilt.

Related posts