17 Settembre 2021 - 5:11 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

SportellateCarniche Exxx…Polzive!!! Luca Boschetti lancia De Crignis presidente della Comunità. Scintille Lega-Forza Italia. Mesate da urlo. Esclusivo.

La candidatura del sindaco di Ravascletto è germogliata nelle valli del But e Degano ed è nata da una strana alleanza fra Lega e PD. Lo dimostrano le parole del consigliere regionale leghista Luca Boschetti che afferma «Mi auguro che in sede di assemblea tutti i sindaci convergano sul nome del candidato presidente e votino a favore». Una lisciata di pelo che ha stordito l’intera Carnia e fatto salire alle stelle la temperatura del mercurio. Quindi, dopo vari tentativi e un paio di candidati arrostiti, alle 17,30 di lunedì 14 giugno è stata riconvocata l’assemblea dei sindaci della comunità Montana della Carnia che ri-tenterà di eleggere il presidente del nuovo ente voluto dall’assessore Roberti. Fino a ieri sembrava, o facevano sembrare…, che l’indicazione fosse quella ideale, ma nessuno aveva fatto i conti con il tessuto eretico della Carnia. Le valli hanno polverizzato perfino il progetto federativo di Berlusconi con la Lega. Anzi, una parte della Lega pone riserve sul voto a De Crignis 〈Marco Lenna〉 e Forza Italia non ha mai fatto mistero di respingere al mittente qualsiasi proposta che arrivasse dal Doge della valle del But. In questo senso i rimbalzi alpini segnalano forti perplessità sulla scelta di De Crignis anche da parte di altri sindaci quali Gianni Borghi, Andrea Paschini, Fabio D’Andrea e Luigi Cortolezzis. Posizioni che mettono in grave rischio l’esito finale del voto col rischio per il candidato di passare con una maggioranza risicata come quella del presidente dell’assemblea Lino Not 〈un voto〉. 

A illuminare il caos ci pensa il tema delle indennità dei nuovi amministratori. Al presidente spetta una mesata da urlo come ribadito in questi giorni in commissione a Trieste. Si viaggia su cifre iperboliche, 3.910 euri-mese, arricchite dal goloso arrotondamento del rimborso spese forfetarie pari a 400 euri al presidente e 200 ai membri del comitato esecutivo. I titolari di cariche amministrativi dovranno semplicemente detrarre l’importo e pensare a tirare il resto. I compensi sono retroattivi, dalla data di approvazione dello statuto. 

Related posts