1 Marzo 2021 - 4:38 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

RottameFontanini Exxx…Polzive!!! Il sindaco antitriestino annuncia deliranti progetti sul Recovery Fund per circa 3miliardi. Toglietegli il fiasco. Dopo Forza Italia anche l’ex ministro Santuz lo asfalta. Fedriga e Dreosto evitano. Esclusivo

In calce il riparto del Piano elaborato dagli uffici della presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il PNRR, visto dal periferico sindaco Fontanini è uno squillo di trombe continuo. Con ordine: Dopo l’annuncio di un mese fa in diretta Tv dall’amico-zerbino Cattaruzzi in cui delineava un piano da 1 miliardo e 350milioni di euri per interrare le linee ferroviarie, oggi annuncia un altro progetto, stavolta con l’università….

Dice il sindaco inviso a Fedriga e a tutti i vertici regionali 〈recentemente, il neo segretario della Lega Dreosto ha preferito incontrare i leghisti di Pasian di Prato che quelli di Udine〉: «Stiamo lavorando da mesi su un progetto, Udine 2050. Un grande piano d’investimenti pari a 1,3 miliardi di euri». Punto.

La cifra, se messa assieme a quella del progetto annunciato su Telefriuli, diventa impressionante porterebbe l’importo totale da destinare a Udine fino a raggiungere circa 3 miliardi di euri. Un investimento stellare che solo un amministratore svalvolato come il sindaco potrebbe pensare di far giungere in città. Non si capisce come, visto che stiamo parlando di un sindaco privo di coperture politiche, un sacco vuoto. Le sue relazioni sono limitate a una lavandaia del Torre, un’assessora che dopo 3 anni è ancora alle prese con le mense delle scuole, un tecnico comunale in distacco dal Veneto, un vice sindaco che disegna parcheggi per Bus contro il codice della strada per fare contenti gli albergatori amici, un comandante della Polizia Locale assente, assessori assetati di mesate, un impresentabile esterna finita all’ambiente che ha impestato la città e tutto il resto del dozzinale centrodestrismo friulano.

Per questi motivi in regione Fontanini non lo sopportano. L’isolamento di Udine ha preso anche una piega politica. Ieri sono piovute le feroci critiche dell’associazione di Forza Italia Ud contro l’amministrazione di palazzo D’Aronco. E sul Messaggero Veneto di oggi il moderato ex ministro Santuz e il professor Sandro Fabbro hanno caricato la dose e hanno preso le distanze dal leghista e dalle sue panzane. Toglietegli il fiasco.

Related posts