1 Marzo 2021 - 4:10 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

PasianDiPrato (UD) Exxx…Polzive!!! Il Profeta disse: Agire nella legalità disturba gli amministratori di turno. Cosa nasconde la “furba” variante adottata venerdì dal consiglio comunale? La bretella d’oro da 8 milioni di euri che moltiplica il valore delle aree produttive di un amico e distrugge uno dei siti ambientali più tutelati d’Italia. Esclusivo.

Venerdì scorso, proponente il sindaco Andrea Pozzo, è stata adottata dal consiglio comunale di Pasian di Prato 〈Ud〉 la variante N°62. Un malloppo di 15 punti deliberato col favore di 11 consiglieri di centrodestra e 4 astenuti 〈Quai, Degano, Valoppi, Zampieri〉. Assente il transfuga di Fratelli d’Italia, Marzio Giau. Si tratta di una Variante di livello regionale al vigente Piano Regolatore Generale Comunale che contiene un magheggio stellare passato nel totale silenzio dell’opposizione. Segue…

Lega per Salvini, Fratelli d’Italia e Forza Italia si sono inventati una bretella che sventra il biotopo più tutelato d’Italia e un sito naturalistico di rilevante importanza. Costo dell’opera circa 8milioni di euri. Sulla carta, il progetto è stato “venduto” ai cittadini come soluzione decisiva per alleggerire il traffico nel concentrato di Santa Caterina 〈Ud〉, in realtà, trattandosi di un’opera che non presenta un piano complessivo, giacchè la nuova strada improvvisamente si restringe, serve solo come moltiplicatore di valore di terreni e aree produttive che si trovano lungo l’asse del progetto. Chi è il titolare della maggior parte delle aree nella zona? Un magheggio stellare di milioni e milioni di euri destinato ad esplodere appena sarà sottoposto alle verifiche degli uffici regionali. La maggioranza di Pasian di Prato non è nuova a spericolate varianti urbane. Si pensi solo al senso unico più corto d’Italia e alla paranoica viabilità di una strada ex provinciale (via Cristoforo Colombo) che, per un tratto di 200 metri è stata stravolta per un capriccio dell’ex assessore Lorenzo Tosolini. Pasian di Prato latrina d’Italia.

Related posts