18 Ottobre 2021 - 3:53 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

LegaFvg Exxx…Polzive!!! Salvini e Agostinelli infiammano la campagna elettorale friulana. Domenica sera vertice a Castions di Strada. Lunedì conferenza stampa a Udine. Scintille a palazzo D’Aronco.

Lunedì prossimo a Udine i vertici della Lega, Marco Dreosto, Francesca Laudicina, Pietro Fontanini, Giulia Agostinelli, Elisabetta Marioni e Lorenza Ioan presenteranno le linee guida del nuovo assessore all’istruzione che, come annunciato da Fontanini, sarà Marioni che ha preso il posto dell’indagata Asia Battaglia. Tuttavia i fanali saranno puntati su Giulia Agostinelli che finalmente potrà entrare in consiglio comunale. La presenza della neo consigliera non è casuale. Lei dirige la sede regionale del Carroccio di Reana del Rojale (Ud) e gode di coperture politiche di alto livello. Un volto nuovo, brillante ospite televisiva, utilissimo per rinfrescare e rinnovare l’immagine della Lega ancora incrostata su facce del secolo scorso. Tuttavia, per i leghisti friulani, il fine settimana è da mozzafiato. La competizione interna con Fratelli d’Italia è ormai evidente e in Friuli, dopo il successo della Meloni, è previsto l’arrivo nientemeno che di Salvini la cui presenza è assicurata a Trieste per lunedì mattina mentre domenica sera incontrerà i vertici friulani a Castions di Strada presso il Ristorante Napoleòn. Un incontro improvvisato all’ultimo minuto derivante dalla necessità di mettere in campo tutte le forze disponibili per arginare la galoppata di Fratelli d’Italia che a Trieste, come a Roma o a Pordenone, rischia di travolgere il partito di Fedriga. 

Tornando a Udine, emergono retroscena clamorosi sulla nomina di Elisabetta Marioni e il rimpasto giuntale. Spunta il caso Pizzocaro (gruppo misto) che, forte del suo bagaglio di voti personali, oltre 200, sta mettendo in fibrillazione la maggioranza. Secondo i rimbalzi di palazzo, pare che all’ex assessore sia stata offerta la presidenza di una commissione per evitare una sua fuoriuscita dalla maggioranza. Sacrificare la presidenza di Valentini per costruire ponti d’oro a colui che è stato cacciato in malo modo dalla giunta e che ora potrebbe trovare ospitalità in Fratelli d’Italia. Una matassa ingarbugliata che incasina l’intero assetto giuntale e le sue pesature in maggioranza a Udine. Il corrispettivo di Fratelli d’Italia, 3 consiglieri, è di un assessore 〈inutile〉 e due presidenti di commissione. Progetto Fvg, 3 consiglieri, è pesata con un vicesindaco e un assessore 〈inutile〉. Esagerata pesatura anche in Forza Italia. In questo senso, il timore di perdere una pedina fondamentale come Paolo Pizzocaro, imperdibile in vista delle prossime elezioni, sta mettendo paura all’intera maggioranza. Vieppiù che la difesa del sindaco verso l’assessora Manzan arroccata in giunta e senza un consigliere eletto, sta generando più di qualche malcontento.  

Related posts