17 Settembre 2021 - 1:27 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

GervasuttiSergio Exxx…Polzive!!! Il Senatore Cerno: Il rapporto del Messaggero Veneto di oggi con il Friuli non interpreta lo stile del grande Gervasutti. Esclusivo.

Il giudizio di Cerno sull’attuale direzione del giornale friulano rispetto a quella del grande direttore Gervasutti scomparso lunedì, è impietosa. Viene riportata dal sito on line “Udine Today” che, nell’edizione di ieri, ha pubblicato un’intervista al Senatore che descrive le formidabili intuizioni del giornalista scomparso. Cerno, già direttore del giornale, afferma: “C’è bisogno di un suono, di qualcosa che è stato cancellato”. Per Cerno non basta la comunicazione rassicurante che comodamente l’attuale direttore rifila ai lettori, il giornale di oggi racconta solo un piccolo pezzo di quello che i friulani vivono tutti i giorni.

Da Udine Today:

“La convinzione di Cerno è che Gervasutti sia stato dirimente per la storia del giornale friulano.“Ha inventato le cose che ancora oggi caratterizzano il giornale, come il dorso centrale delle cronache, le locandine delle cronache. Fu lui che riuscì – e io cercai di imitarlo, con molta meno capacità – a capire che il giornale locale doveva avere la politica nazionale in prima pagina. Comprese che non dovevi raccontare cosa succedeva fuori ai friulani, ma dovevi raccontare a quelli di fuori quanta rabbia, incazzatura e odio avevano i friulani per quello che capitava. Fu l’inventore del giornale bandiera. E’ il grande direttore irrisolto del Messaggero. Uno è Meloni e l’altro sono tutti quelli dopo Gervasutti. E’ come l’essere dimenticato, ma fu enorme per spessore e capacità”.

Cosa rimane oggi del marchio impresso da Gervasutti?

“Oggi è certo che il rapporto del Messaggero con il Friuli di oggi non interpreta lo stile di Gervasutti. E’ vero che il Friuli ha bisogno di una comunicazione rassicurante, che affermi la sua esistenza. Questo viene fatto benissimo. Però c’è anche bisogno di un suono, di qualcosa che è stato cancellato. Ma non per le sinergie editoriali. Il problema è che il giornale racconta solo un piccolo pezzo di quello che i friulani vivono tutti i giorni. Lo stile Gervasutti portava il Friuli dentro l’Italia, come fece con la strage di Natale. Raccontò al Paese una ferita, non che era successo qualcosa di importante. La conseguenza fu che il capo della Polizia arrivò in aereo e si mise davanti al negozio di viale Ungheria. E stiamo parlando di un’indagine ancora aperta. Negli ultimi anni non ho letto nessuna inchiesta, dello stesso giornale, su come mai sia così. Perché?”.

Related posts