11 Maggio 2021 - 12:41 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

ForzaItaliaFvg Exxx…Polzive!! Gli azzurri friulani randellano Fontanini e gli assessori: Siamo ancora in attesa delle vostre dimissioni da consiglieri. Vestaglia scaricato. Esclusivo.

Per uno dei contraenti più autorevoli della coalizione di centrodestra che ha sostento Fontanini sindaco di Udine, la delusione e il livello di sopportazione delle panzane diffuse da palazzo D’Aronco sono ormai insopportabili. Si tratta di Forza Italia, dei vertici del partito in Friuli, ovvero i due coordinatori, Stefano Cecotti e Ferruccio Anzit, rispettivamente comunale e provinciale. Questa foto è lo stampino del disordine udinese: Inaugurazione di un locale e successiva randellata al titolare per via delle norme Anti-Covid.

Al netto dell’azione amministrativa rimasta ingessata al palo delle pivette 〈lo slogan “Udine Rialzati”, secondo Cecotti è paradigmatico dell’ubriacatura diffusa in campagna elettorale…〉, il coordinatore udinese degli azzurri punta il dito contro gli assessori Cigolot e Barillari che, a loro volta, non si riconoscono più nel partito, ma si gettano tra le braccia del sindaco Antitriestino 〈il pensionato assessore Cigolot: “Noi siamo col sindaco“〉. Il nodo della questione è quello delle dimissioni dei due assessori da consiglieri. Lo stesso Ferruccio Anzit, coordinatore provinciale di Forza Italia, osserva: «L’impegno degli assessori di Forza Italia che avrebbero dovuto dimettersi da consiglieri, era stato preso ancora in campagna elettorale, ed io era d’accordo. Oggi – rileva Anzit – questo impegno è ancora disatteso». Il petardo è chilometrico e mette in evidenza una sostanziale frattura politica fra la dirigenza di Forza Italia e gli assessori. Sullo sfondo la corrente dei blasoniani che ancora oggi terrorizza i forzisti spurii come Barillari.

Fra gli addetti ai lavori il messaggio del coordinatore Cecotti non è passato inosservato, anche perchè contiene una codificazione molto interessante, tarata sul medio periodo. Nasce un nuovo soggetto moderato udinese aperto al dialogo, costruttivo, rapido, proiettato in là e disancorato dalle ossessioni friulaniste e antitriestine dei leghisti udinesi. Lo steso Cecotti nella sua lettera a Fontanini scrive: «Si ha l’impressione, insomma, che alla squadra di cui Lei è capitano manchi una visione. State andando avanti per tentativi, senza una idea di Udine, fra 10, 20, 30 anni». Forza Italia scarica il sindaco. Poco ci vuole per capirlo. Game Over.

Related posts