23 Aprile 2021 - 2:15 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

DisordineUdine Exxx…Polzive!!! Fontanini scrive al Questore: a Pordenone son più bravi di me. Maggioranza in crisi e gioca al ribasso. Dall’Esercito si è passati alle letterine. Esclusivo.

Udine sotto choc e sempre più vicina al precipizio, all’abisso dell’incompetenza. Dopo il pestaggio di ieri in pieno centro e in pieno giorno, il peggior sindaco che la capitale del Friuli abbia mai avuto, ha scritto una lettera-confessione al Questore di Udine in cui ammette la propria incapacità a governare il capoluogo. Spegne le speranze degli svalvolati che invocavano l’Esercito italiano per le strade di Udine e sfiducia il suo assessore alla sicurezza Ciani. Il richiamo alla città di Pordenone 〈“Mi domando inoltre perché a Pordenone, città nella quale si verificano fatti analoghi, i responsabili di questi episodi vengano individuati e arrestati mentre a Udine difficilmente le indagini hanno esiti di questo tipo. Fatti come quello di ieri non appartengono alla nostra città e gli udinesi non sono più disposti a sopportare oltre questa situazione”〉, ha mandato in bestia mezza maggioranza. Il sindaco ha ammesso che a Pordenone il suo collega Ciriani si dà da fare, incalza le forze dell’ordine e ottiene risultati. Un flop comunicazionale clamoroso, Udine soppiantata anche da Pordenone e un sindaco leghista che si autorandella. Gli unici soddisfatti dell’operazione sono i patrioti di Fratelli d’Italia. Chissà che non sia un preludio a una candidatura tricolore per il 2023.

 

Lettera del Sindaco di Udine al Questore, dopo la rissa in centro.
Gentile Questore.

Le scrivo per segnalarLe la mia preoccupazione per gli intollerabili episodi che si stanno verificando nella città di Udine e dei quali si rendono puntualmente protagonisti giovani stranieri ospitati dalla nostra comunità. Ultimo in ordine di tempo, la violenta rissa che è scoppiata ieri in via Vittorio Veneto e che ha visto coinvolte decine di questi giovani che hanno danneggiato gli arredi di alcuni esercizi mettendo a repentaglio l’incolumità dei passanti.

Le chiedo quindi non solo che le persone coinvolte nella rissa di ieri siano identificate – ci sono vari filmati nei quali i volti sono perfettamente riconoscibili – e allontanate immediatamente da Udine con il foglio di via ma anche una maggiore determinazione nel modo in cui vengono effettuati i controlli da parte delle Forze dell’Ordine che dovranno essere intensificati verificando innanzitutto il possesso e la regolarità del permesso di soggiorno.

Mi domando inoltre perché a Pordenone, città nella quale si verificano fatti analoghi, i responsabili di questi episodi vengano individuati e arrestati mentre a Udine difficilmente le indagini hanno esiti di questo tipo. Fatti come quello di ieri non appartengono alla nostra città e gli udinesi non sono più disposti a sopportare oltre questa situazione.

Distinti Saluti

 

Related posts