16 Aprile 2024 - 2:36 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CrosteElettorali Exxx…Polzive!!! La motosega della Lega si accende nei comuni friulani: Pasian di Prato; Campoformido; Gonars; Dignano; Osoppo; Grado; Rivignano-Teor. Segreterie regionali al lavoro per arrestare l’attrezzo.

A qualcuno, durante il mini vertice del centrodestra di ieri a Trieste sulle amministrative, è scappato un gesto di rassegnazione: le dinamiche in periferia sono incontrollabili. Personalismi e fughe in avanti appartengono a questioni locali che difficilmente tra il golfo e il Carso si possono risolvere. Pertanto, saranno le urne a decidere il destino dei candidati. A Pasian di Prato, si esibisce il carosello più capitombolato di tutte le comunali. Il sindaco uscente, l’azzurro Andrea Pozzo, va per il terzo mandato sostenuto da una teoria di liste ispirata all’inno alla gioia europeo. Solo la Lega si è tirata fuori e punta a candidare il vice Ivan Del Forno contro il sindaco uscente Pozzo. Il segretario della Lega Dreosto ritiene che l’immagine di Pozzo, dopo dieci anni, sia deteriorata e quindi va sostituita con quella del leghista Del Forno. Proposta insensata visto che il sindaco uscente è assediato da richieste sempre più numerose di volontari che bussano alla sua porta per entrare nella squadra. Non ultimo l’ex candidato sindaco Marco Quai che sta preparando una lista di supporto. E l’area potrebbe allargarsi. Lo stampino è quello della maggioranza brussellese dove la Lega non sta coi popolari ma fa parte del gruppo Identità e Democrazia. Più critica la situazione a Gonars (Ud). Il sindaco uscente Ivan Boemo, quota Forza Italia, ha annunciato da mesi la sua candidatura sostenuto da due liste. E la Lega gli ha dichiarato guerra. L’incubo di un pessimo risultato alle europee ha impermalosito gli esponenti locali del partito di Fedriga che, in combutta con i Benito Remix, stanno architettando lo sgambetto a Boemo candidando l’insegnate Alex Cittadella, (vedi anticipazioni di leopost). Venerdì 5 aprile a Gonars si terrà la presentazione ufficiale. Centrodestra fulminato. Come lo è a Rivignano-Teor, il comune del vice governatore Anzil che lancia nella mischia l’assessore ai lavori pubblici Massimo Tonizzo con l’appoggio del consigliere e segretario della Lega cittadino Andrea Paravano. Posto che la reggente Vanessa Vello, per questioni personali, non intende impegnarsi al 100%, spunta il nome dell’assessore Fabrizio Mattiussi, capogruppo della Lega che non nasconde le sue ambizioni a volersi candidare contro Massimo Tonizzo, uomo di Anzil. Lega polverizzata. Ovviamente, dovesse andare in porto l’operazione, sostenuta dal centrosinistra (Bini), la sua espulsione dal partito sarebbe immediata. Da aggiungere che a seguire Mattiussi ci sono i nomi degli assessori D’Orlando e Bettuzzi. Resta l’incognita Vanessa Vello. Lei, potrebbe rappresentare l’ago della bilancia delle elezioni a Rivignano-Teor. Un altro episodio di Lega incartata sta maturando a Dignano al Tagliamento per via di incomprensioni sorte in questi ultimi mesi fra il sindaco Orlando e il vice Luigino Toller. A Osoppo Fratelli d’Italia attende le mosse della Lega del sindaco uscente Bottoni (quota Zilli). A Campoformido, dopo un rapido e segretissimo incontro di ieri fra Anzit e Petris, nulla è cambiato. Centrodestra diviso con l’uscente Erika Furlani da una parte e Adriano Stocco dall’altra. Chi potrebbe trarne vantaggio è il candidato Massimiliano Petri sostenuto da tre liste civiche. Grado merita un capitolo a se stante. La novità potrebbe essere rappresentata dalla discesa in campo del presidente della Git Roberto Marin. Delirio elettorale.

Related posts