17 Settembre 2021 - 6:25 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CaligoPalmanova Exxx…Polzive!!! Il ducetto Martines svalvolato: Ci ripensa e detta le condizioni al centrodestra per il confronto pubblico fra sindaci. Di Piazza rifiuta.

Il candidato del centrodestra Di Piazza: “Accetto il confronto con Tellini, ma non le condizioni che sono state imposte”. Solo nei paesi arabi, cui Martines e Tellini si sentono molto a loro agio, si prescrivono i termini di un dibattito pubblico.

Su queste pagine, lo abbiamo scritto più e più volte, se un candidato non è disposto a combattere per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui. La citazione è formidabile e si staglia perfettamente nella palude cui si è impantanato “Francesco” Tellini, alias candidato sindaco a Palmanova per il centrosinistra 〈che si vergogna dei simboli〉, pilotato dall’uscente Martines e avversario del più dinamico Antonio Di Piazza. Una settimana fa sul Messaggero Veneto l’eterodiretto Tellini era stato categorico: “Nessun confronto pubblico con Di Piazza”.

Ieri, vista la polemica montante derivata dalla figuraccia rimediata nei confronti dei cittadini e su suggerimento del ducetto, il candidato pareva disposto al confronto ma dettando sue condizioni diffuse da Telefriuli. Una cosa mai vista prima. Cosa teme Tellini? Non è forse in grado di affrontare un confronto che non sia limitato allo strumentale punto nascita? Cosa teme l’angosciato Martines? che emergano i nomi degli attori della riforma sanitaria in Friuli Venezia Giulia? Teme che spuntino i nomi di Telesca/Serracchiani? Il tempo delle speculazioni sul punto nascita di Palmanova è finito e rappresenta i limiti di questa amministrazione. Miope Propaganda propugnata in piena pandemia da un amministratore egocentrico privo di una visione complessiva e razionale del servizio sanitario regionale. La stessa propaganda con cui il ducetto Martines ha usato per imbambolare i cittadini della frazione di Ialmicco quando faceva il piazzista per conto della Terna. Promesse da marinaio sull’elettrodotto. Balle. Oggi i cavi passano sopra le teste dei residenti. Lo stesso si può dire della pericolosa superfice di amianto che copre ancora i tetti della caserma Lago di Ialmicco a 50mt dalle case.  2.250 metri quadri di sostanze tossiche parcheggiate nella frazione. Il tempo della retorica e dei generali é finito, tuttavia restano ancora stampati agli atti gli spericolati provvedimenti di assunzione di personale con incarico fiduciario da impiegare per la campagna elettorale di “Francesco” Tellini. Paga pantalone palmarino. Palmanova infetta, elezioni malate.

La Serenissima e mediterranea città stellata non può diventare un giocattolo nelle mani di 4 maneggioni che dovranno risarcire il sindaco uscente alle prossime regionali 〈col simbolo del PD〉, il cuore dell’Europa anti talebana merita ben altro.       

Related posts