18 Ottobre 2021 - 3:31 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

BujaOlimpica Exxx…Polzive!!! Jonathan Milan trascina il Friuli nell’Olimpo. Il sindaco gli consegna il sigillo della città e promette il progetto per il velodromo. Schegge di Mazzolini.

Se la regione impegna per Forni di Sopra 〈800 abitanti〉 circa 6 milioni di euri per ristrutturare la sede municipale, non dovrebbe avere difficoltà a facilitare la realizzazione di un velodromo a Buja visto l’indotto che si potrebbe creare. Un parallelo pertinente emerso durante i festeggiamenti del campione olimpico Milan. I furbetti del calcestruzzo e dei magheggi, rasi al suolo dalle nuove generazioni. La salvezza del pianeta risiede in questi ragazzotti, il resto è barbarie quotidiana e malta.

La grande festa che ieri sera è stata organizzata a Buja per salutare l’iridato Jonathan Milan, ha consegnato ai presenti una speranza: le nuove generazioni hanno a cuore il loro futuro. Sacrificio, impegno, rispetto per l’ambiente e ragionevolezza, il tempo dei vandali è finito.

E’ stata una grande festa che il sindaco Bergagna, visibilmente emozionato, ha commentato sul palco quando ha consegnato il sigillo d’argento 〈in attesa di quello d’oro〉 al campione olimpico. Con una promessa: «prima della fine del mio mandato presenterò il progetto per la costruzione di un nuovo velodromo». In 4 giorni l’intera comunità bujese ha messo in piedi l’evento in piazza del mercato coronato dai fuochi artificiali. Erano presenti l’europarlamentare Elena Lizzi, il vice presidente del consiglio regionale Stefano Mazzolini, l’assessore Zilli, il presidente della comunità collinare Bottoni e i sindaci Valent, Ovan, Revelant, il vice sindaco di Osoppo Tiepolo e molti amministratori. Siparietto agonistico di Stefano Mazzolini che ha donato al campione olimpico l’elegantissima spilla della regione col simbolo dell’aquila. Durante la cerimonia si erano scordati di portargli il microfono per il saluto di circostanza. L’esponente politico non si é scomposto e se l’è preso con forza per ricordare i suoi trascorsi sportivi, non prima di aver invitato il campione e tutta la sua famiglia a Tarvisio. Ma, come per una sorta di nemesi olimpica, il luogo preferito per le passeggiate di Jonathan è proprio Tarvisio. 

Related posts