28 Maggio 2024 - 9:33 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

BonusMenzognus Exxx…Polzive!!! Siamo invasi dalle truffe. Sequestrati 9milioni di euri di crediti fiscali, contanti per 330mila e beni a un’impresa edile di Mira (Ve). Avevano bidonato i condomini di Brugnera (Pn). Le impalcature erano tirate su ma i lavori mai eseguiti.

I condòmini di un palazzo di Brugnera, in provincia di Pordenone, non sapevano come fare per levarsi di torno l’impalcatura che da anni copriva la facciata dell’edificio e non c’era nessun operaio. A cosa serviva quel cantiere? semplice. I titolari della impresa edile aveva messo in piedi la truffa: mascherare con attrezzature lavori mai eseguiti per beneficiare dei crediti d’imposta. E’ il famigerato “Bonus Facciate“. La truffa italiana seconda solo al “Superbonus“. I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Venezia hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo d’urgenza dell’importo complessivo di euro 8.802.525,39emesso dalla Procura della Repubblica di Venezia, finalizzato a cautelare crediti fiscali, denaro e beni riconducibili ad una società di Mira, operante nel campo dell’edilizia, al suo rappresentante legale e a colui che, di fatto, operava come responsabile commerciale, indagati per aver ottenuto, anche attraverso l’emissione di fatture attestanti circostanze non veritiere, illeciti profitti mediante la creazione, la cessione e l’indebita compensazione di crediti fiscali ritenuti inesistenti. Infatti, nel corso delle indagini i finanzieri del Comando Provinciale di Venezia hanno effettuato riscontri diretti, reperito documentazione, anche di natura bancaria, e raccolto numerose querele presentate da singoli condòmini, che avrebbero permesso di acquisire elementi a sostegno dell’ipotesi investigativa secondo la quale le agevolazioni, previste dal c.d. bonus facciate, riconosciute alla società sarebbero state ottenute attraverso documenti che attestavano l’esecuzione di lavori nei fatti mai realizzati e, in alcuni casi, avviati ma non completati. Il sequestro ha riguardato i crediti d’imposta non ancora ceduti o compensati, e pertanto ancora giacenti sul cassetto fiscale, pari a circa 6,3 milioni di euro, un furgone del valore di 28.000 euro, disponibilità finanziarie pari a circa 330.000 euro, quote societarie del valore di circa 200.000 euro nonché n. 6 immobili, del valore complessivo pari a circa 2 milioni di euro, ubicati nelle province di Venezia e Belluno. I sequestri eseguiti sono stati convalidati dal Giudice per le Indagini Preliminari di Venezia. BonusMenzognus. La truffa aleggia sulla campagna elettorale. 

Related posts