18 Ottobre 2021 - 4:27 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

BallottaggiFvg Exxx…Polzive!!! AdessoTrieste ago della bilancia fra Dipiazza-Russo. A San Vito il PD rinsavisce e si schiera con Bernava contro la Kronospan.

Trieste-San Vito al Tagliamento, la dorsale Est/Ovest friulana infiammata dai ballottaggi.,

Intenso fine settimana per i competitors impegnati nei ballottaggi di San Vito al Tagliamento e Trieste. Alcuni spunti importanti sono emersi in queste ultime ore e sembra siano in grado di fornire una prima bozza di previsioni sull’appuntamento del 17-18 prossimi. Ieri sera su Telequattro è andato in onda il primo confronto diretto fra i due finalisti. Per Russo, Dipiazza è il sindaco del passato, la cui gestione delle piccole cose è incompatibile con la situazione “internazionale”. Dipiazza replica a Russo che “il passato crea il futuro ed il presente”. Tuttavia fra una proposta del taglio della Tari e l’accusa di presunte menzogne, si arriva ai conti del ballottaggio che dimostrano, visto il crollo fisiologico dei votanti al secondo turno, come Francesco Russo possa godere di un valore aggiunto determinato dalla Lista Adesso Trieste del candidato sindaco Riccardo Laterza, vera sorpresa delle comunali. La Lista è riuscita a raggranellare ben 7.100 voti, superando Forza Italia e 5Stelle. Un successo inaspettato che ora diventa il bilanciatore della contesa. Seppur i vertici della Lista Municipalista abbiano dato solo indicazione di voto a Russo, c’è un dispaccio che vale più di qualsiasi dichiarazione ufficiale di apparentamento: “Eravamo, siamo e resteremo radicalmente alternativi alla Giunta Dipiazza, non solo dal punto di vista programmatico, ma anche da quello valoriale. La quarta versione di Dipiazza, rischia di essere ancora più estremista di quanto lo sia già oggi, a causa del peso di partiti come Fratelli d’Italia, che peraltro ha candidato nelle sue liste anche persone dichiaratamente fasciste. Per quanto sopra espresso e ripudiando per convinzione e statuto il fascismo, il razzismo e il sessismo, intendiamo così dare indicazione di voto per Francesco Russo“. Va ricordato che la capolista Giulia Massolino è stata la seconda più votata per numero di preferenze di tutte le liste: oltre 650 voti. Elementi decisivi che conducono a un ragionamento positivo rispetto a Russo.

Dall’altra parte della regione, a San Vito al Tagliamento, dopo la tranvata che i cittadini hanno tirato a Di Bisceglie-Agrusti-Centis, al ballottaggio sono andati Alberto Bernava, sostenuto da tre civiche e Valerio Delle Fratte puntellato dal centrodestra classico facilitatore del progetto di avvelenamento della zona per via della Kronospan (però la civica “Amo San Vito” è stata la più votata della coalizione). Il ducetto della Delizia Agrusti, dopo aver scaricato l’uscente Di Bisceglie, punta tutto su Delle Fratte. Sia la Lega con Vannia Gava che Fratelli d’Italia con l’assessore Scoccimarro che Forza Tragica con l’ectoplasma Dal Mas, sono morbosamente attaccati al progetto di intossicazione della bassa pordenonese che i cittadini hanno rifiutato con oltre 7.500 firme raccolte. In questo senso, è da registrare il rinsavimento del PD pordenonese dove il segretario provinciale Giorgio Zanin ha dichiarato che voterà convintamente per Bernava. Una linea condivisa anche dal consigliere regionale Conficoni che si è sempre opposto all’ampliamento dell’impianto degli austriaci.

Related posts