21 Giugno 2021 - 11:59 pm


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

TossicoFriuli Exxx…Polzive!!! Il Pd si sfracella sulla peste Kronospan: Est contro Ovest. In mezzo l’ex assessora Sara Vito. Spunta il giallo delle centraline dell’aria. Esclusivo.

Per quale stranissima ragione la centralina dell’Arpa che dovrebbe rilevare tutte le emissioni tossiche nell’aria di una zona industriale si trova a 11 Km dal Consorzio Ponte Rosso? Cosa c’entra Morsano al Tagliamento, sud est, rispetto al territorio “Ponte Rosso” lontano più di 10Km? Il consigliere regionale del Pd Conficoni ha chiesto ieri alla regione il rinnovo del piano aria, fermo da oltre 3 anni. Com’è possibile elaborare un piano aria se i rilievi sono falsati e manca un monitoraggio serio delle polveri sottili diffuse in questi ultimi anni? Per quanto sia stato possibile rilevare, i livelli di tossicità hanno già raggiunto target elevati.

L’assessore regionale Scoccimarro ha assicurato che il nuovo piano della qualità dell’aria sarà approvato entro l’anno ed ha ribadito che l’obiettivo della regione è quello di raggiungere un livello di emissioni di CO2 pari a zero entro il 2040. Auguri. Lo stesso assessore regionale sostiene il progetto del riconoscimento a riserva della biosfera del fiume Tagliamento. Chissà cosa penseranno gli ispettori dell’Unesco appena vedranno a San Vito un camino alto 40 metri a pochi metri dal fiume… Cancellata ogni speranza. Vieppiù che l’ampliamento della Kronospan, pregiudicherebbe la prestigiosa assegnazione di geoparco, vero obiettivo del Tagliamento vista la sua importanza geologica mondiale. Al pari del parco dell’ Aspromonte o della Maiella. Altre regioni tutelano i loro beni, noi no. 

Dopo 45 anni il Friuli rischia di venire travolto da un altro terremoto. Quello provocato dagli squali che antepongono gli interessi del proprio portafoglio alla salute delle persone. In questo senso il caso Kronospan avvelena anche il Pd che su trova a dover fare i conti con l’avvocato Sara Vito, ex assessora all’ambiente, ex segretaria della sezione rossa di Fogliano-Redipuglia, componente della segreteria del Pd Fvg in tema di ambiente e consulente privilegiata della Kronospan. Un’asse tossica fra Ovest 〈Sindacati e Pd del sindaco Di Bisceglie〉 ed Est dove il Pd di Monfalcone è contrario alla riconversione a gas dell’attuale impianto a carbone della centrale A2A. I Dem Locali si oppongono e attaccano il sindaco Cisint per la presenza sessantennale di un gigantesco impianto elettrico dentro il perimetro urbano, cose da terzo mondo. Parallelamente alla bisiacaria, si alza il livello della protesta in tutta l’area del Medio Friuli contraria all’ampliamento della Kronospan. La fotografia di ciò che è accaduto in Romania è memorizzata dai residenti di San Vito, Valvasone, Casarsa, Sesto al Reghena 〈comune del direttore Gerolin〉, Arzene, Spilimbergo, San Giorgio, Codroipo, Camino, Varmo e giù fino a San Michele: Enormi autocarri carichi di legno passavano in mezzo ai paesi diretti ai cancelli della Kronospan. Dai suoi camini, dense nuvole di fumo salivano verso il cielo. Nella zona, la società produceva la formaldeide, utilizzata per incollare i pannelli truciolari. Al di sopra di una certa concentrazione, il prodotto chimico è classificato dall’Oms come sostanza cancerogena.

Related posts