1 Marzo 2021 - 5:35 am


Il blog dei badilanti

radiobadile@gmail.com
Breaking News

CentroDestraFvg Exxx…Polzive!!! Orgoglio azzurro a Udine. Forza Italia fa partire un siluro atomico contro la Lega di Fontanini: Rispetto a Strassoldo non vali un cazzo. Udine sotto la tua sindacatura ha perso autorevolezza. Resa dei conti a palazzo. Esclusivo.

Oggi, dal condominio di Forza Italia Udine è stato fatto partire un petardo da chilo e rumoroso contro la Lega, contro Fontanini e il suo mandato fallimentare da sindaco. Finalmente un salutare scatto d’orgoglio azzurro che tutti si attendevano rispetto alla città più elegante del Nord che col Leghista è finita nell’abisso della mediocrità e dell’insignificanza. I vertici di questa associazione, che non hanno necessità di mesate come gl’impresentabili, fanno capire che Fontanini è inadeguato anche sul fronte friulanista, giacchè il suo predecessore in provincia Marzio Strassoldo, era di gran lunga più autorevole del periferico. Sullo sfondo vecchie ruggini fra Zanin e Fontanini sul caso delle nomine a La Quiete. Ecco il testo. Maggioranza al capolinea e il palazzo trema. Fontanini The End.

Pubblichiamo il COMUNICATO che ci perviene dall’ASSOCIAZIONE L.e F.: 〈Il testo è pubblicato sulla pagina facebook di Forza Italia provincia di Udine〉.

«Se il Presidente del Consiglio della Regione Friuli Venezia Giulia, il “friulano” Piero Mauro Zanin, fa autocritica su una realtà che vede il Friuli in difficoltà rispetto al resto della Regione, difficoltà tra l’altro evidenziata da molti altri “friulani doc”, e anche vero, altrimenti sarebbe infantile, che questa difficoltà non può essere ascritta sola alla responsabilità dell’ente Regione.

Le parole di chi ha ruoli istituzionali apicali che ci vorrebbe ben altro, ricordano quel “benaltrismo” che è sinonimo di fuga dalla responsabilità della propria posizione.

Sarebbe onesto e giusto, pensare se una causa di questa difficoltà non sia il ruolo, ormai perso, di guida, che la capitale del Friuli dovrebbe ricoprire rispetto al suo territorio. Servirebbe un minimo di riflessione critica, che non c’è, eppure basta passeggiare per Udine e di critiche se ne sentono a iosa. Infine registrare la provenienza di alcune considerazioni, fa un po’ sorridere, ma amaramente, poiché della Provincia del Friuli nell’ultimo decennio di esistenza, nessuno ricorda azioni, di rilancio e rafforzamento della “Patria” rispetto agli altri territori regionali. E’ giusto dire che ultimo “aedo” del Friuli in quella posizione fu, non c’è dubbio alcuno, il compianto professor Strassoldo. Infine è proprio un peccato che di quell’interessante progetto redatto dall’Università di Udine non vi sia traccia non solo nella proposta del Recovery fund, ma neanche nell’imponente piano degli investimenti lanciato dalla Regione».

Related posts